page-header

Terapie Infiltrative

Ozonoterapia

L’ozono è un gas naturale, presente anche nell’atmosfera, che quindi non comporta rischi di allergie. L’ozonoterapia è indicata in pazienti con mal di schiena, cervicalgia, sciatica e in particolare in presenza di ernia del disco.

L’ozonoterapia per via infiltrativa è una metodica raccomandata dal Ministero della Salute per l’efficacia dimostrata anche sulla riduzione degli interventi chirurgici alla schiena e nei soggetti con patologie quali il diabete e le cardiopatie.

TECNICA PARAVERTEBRALE INTRAMUSCOLARE

Utili nel mal di schiena, nelle cervicalgie e dorsalgie, legate a problematiche di postura, contratture muscolari, discopatie etc.

Eseguita per via ambulatoriale con una tecnica specifica che non prevede l’utilizzo di raggi o ecografia.

TECNICA INTRAFORAMINALE RX GUIDATA

Utili nelle ernie discali compressive lombari (lombosciatalgie o lombocruralgie).

Questa metodica prevede che l’ago venga inserito in profondità, superando quindi la zona superficiale sottocutanea e muscolare, mirata a iniettare la miscela di Ossigeno-Ozono in corrispondenza dell’ernia e della radice nervosa compressa.

Terapie infiltrative intra articolari

La terapia infiltrativa intra-articolare o eco-guidata costituisce una efficace e sicura terapia per alcune patologie muscolo-scheletriche.

Si tratta di terapie ed interventi mini-invasivi, condotti con ago sottile in sicurezza e precisione, a volte con assistenza di ecografo, che risultano ottimali per il paziente perché permettono una rapida regressione della sintomatologia dolorosa e della limitazione funzionale in una alta percentuale dei casi, quasi sempre con pochi interventi.

Tutte le infiltrazioni articolari vengono eseguite grazie al controllo ecografico che permette una procedura più selettiva e ben definita. I blocchi articolarti possono anche essere di ausilio per una riabilitazione senza dolore.

Il nostro team si occupa di terapie mini-invasive e infiltrative mirate intra articolari, relative al trattamento del dolore in aree quali: anca, ginocchio, caviglia, spalla.

Terapia infiltrativa peridurale

Le infiltrazioni peridurali sono metodiche effettuate in caso di cervicobrachialgia o lombosciatalgia. Si eseguono su pazienti portatori di protrusioni erniarie in sede cervicale, dorsale, lombare o sacrale.

Lo scopo è somministrare il cortisone esattamente sul nervo infiammato in modo da ridurre/annullare la compressione del nervo stesso.  L’infiltrazione, quindi, ha un effetto curativo in quanto ha lo scopo non solo di ridurre/togliere il dolore, ma anche di ridurre il possibile danno. La procedura può anche essere eseguita sotto controllo ecografico o radiologico qualora sia necessario effettuare una infiltrazione mirata esattamente a uno specifico nervo.

Nella maggior parte dei casi bastano due infiltrazioni peridurale per ottenere il risultato voluto.

Blocchi nervosi ecoguidati

Grazie all’ausilio dell’ecografia è possibile effettuare blocchi nervosi selettivi in modo non solo da capire la causa del dolore, ma anche poter suggerire percorsi successivi di risoluzione di dolori articolari che non possono essere risolti con chirurgia e/o trattamento riabilitativo.

In collaborazione multidisciplinare tali procedure possono anche indirizzare trattamenti specifici o garantire una riabilitazione senza dolore.

Blocchi articolari ecoguidati

Tutte le infiltrazioni articolari, con cortisonici e/o acido jaluronico, vengono eseguite grazie al controllo ecografico che permette una procedura più selettiva e ben definita. I blocchi articolari possono anche essere di ausilio per una riabilitazione senza dolore!

Neuromodulazione periferica

Essendo il dolore una malattia cronica, è importante che il paziente venga seguito nel tempo, per poter adeguare la terapia o le tecniche proposte a seconda di come si modifica il dolore.

La Neuromodulazione interferisce direttamente con la trasmissione del dolore a livello dei nervi sensitivi periferici in maniera percutanea oppure utilizzando impianti sottocutanei “fissi”.

Con un unico trattamento si possono controllare dolori cronici quali cicatrici dolorose, pubalgie, dolori neuropatici localizzati.

Back to top of page