page-header

Dott. Gabriele Mezzetti - Psicologo formato in tecniche per la gestione del dolore

Dott. Gabriele Mezzetti

Nel 2017 ho deciso di intraprendere con gli amici e colleghi del gruppo M3 Salus l’avventura di gestire centri sanitari che si connotassero in particolar modo per l’attenzione al tema del dolore.

L’ho fatto perché credo fortemente nella necessità in ambito medico di superare l’approccio meramente “fisico e biologico” a favore di un paradigma che torni a considerare la persona nella sua completezza e che comprenda non solo i fattori biologici ma anche  quelli psicologici, sociali, affettivi.

Il mio obiettivo, condiviso da tutto il gruppo di professionisti di cui faccio parte, è quello di restituire al paziente un ruolo di protagonismo e di centralità rispetto al proprio percorso di cura e guarigione.

La ricerca  scientifica ha ormai dimostrato da anni come rispetto a molte problematiche di salute, ed in particolare rispetto al tema del dolore, l’approccio terapeutico più proficuo sia quello multidisciplinare che prevede anche l’acquisizione di tecniche psicologiche,  mentali e comportamentali che favoriscono il percorso di guarigione.

In particolare la letteratura scientifica riporta innumerevoli studi che hanno dimostrato l’efficacia di tecniche quali l’ipnosi, le strategie cognitivo-comportamentali e la mindfulness, indicandole in taluni casi, ad esempio nella fibromialgia ed in altre patologie di dolore cronico,  come il trattamento più appropriato ed incisivo.

Convinto del valore scientifico e umano di questa “visione” e spinto dal desiderio di tradurla, con gli amici e colleghi del gruppo M3 Salus, nella pratica quotidiana, ho orientato la mia formazione ad un approccio olistico al paziente e all’apprendimento delle tecniche che più si adattano alla cura del dolore, conseguendo un master di secondo livello in cure palliative e terapia del dolore, il titolo di counselor professionale ad indirizzo ipnotico, e numerosi attestati attinenti la psicosomatica e varie tecniche di gestione del dolore.

Formazione

Iscritto all’albo degli psicologi sezione “A” della Regione Emilia Romagna

Numero albo: 9832a

Master di 2° livello in cure palliative e terapia del dolore

presso l’Università degli Studi di Torino

Diploma di Counselor Professionale ad Indirizzo Ipnotico

presso “Scuola di ipnosi olistica” (scuola biennale)

Certificato di Istruttore Mindfulness

presso Accademia Istruttori e Operatori Certificati (A.I.O.C.)

Altri percorsi formativi importanti

Attestato di partecipazione alla settimana intensiva di psicosomatica presso il Centro di Formazione “Villaggio Gobale” (2018)

Abilitato come operatore del “Progetto Gaia” – progetto di educazione alla consapevolezza globale e alla salute psicosomatica (2018)

Corso per psicologi sulla Sindrome Fibromialgica presso AIFS (Associazione Italiana Sindrome Fibromialgica)

Corso di specializzazione in “Ipnosi, Analgesia e Gestione del Dolore presso Scuola di Ipnosi Olistica

Workshop “Ipnosi e Dolore” presso Ipnomed

Corso “Comunicazione efficace: public speaking, linguaggio non verbale, comunicazione sul web, leadership”

Esperienze

2020
Conduttore gruppi di mindfulness

In ambito clinico ed aziendale

2018
Pisicologo

Presso Piccole Figlie Hospital (Parma)

2017
Responsabile della Psicologia Clinica e del Dolore

Per la Società Cooperativa M3 Salus

2017
Consulente e coordinatore risorse umane

Consulente e coordinatore risorse umane per la Società Cooperativa M3 Salus.

2009
Responsabile di posizione organizzativa

Responsabile di posizione organizzativa del Servizio Scuola, Cultura e Sicurezza Sociale del Comune di San Polo d’Enza e Canossa.

2004
Assessore alle Politiche Sociali e ai Giovani

Assessore alle Politiche Sociali e ai Giovani del Comune di Montecchio Emilia.

Attività dello psicologo nella gestione del dolore

Quando ci si confronta con pazienti che soffrono di dolore cronico, è fondamentale considerare il dolore stesso non solo come dipendente dalla malattia, ma anche come elemento che può condizionare negativamente la vita delle persone.

Il dolore può certamente rendere più difficile (a volte impossibile) lo svolgimento degli impegni quotidiani e delle proprie passoni; può peggiorare la qualità delle nostre relazioni, può influenzare i rapporti con i nostri affetti e la nostra famiglia.
Tutto questo aggiunge alle problematiche mediche una sofferenza psicologica che è necessario valutare e di cui prendersi cura.

L’intervento psicologico ha quindi due finalità:

  • Quella di accogliere e considerare questi aspetti, spesso non analizzati dall’approccio squisitamente medico;
  • Quella di insegnare al paziente strategie personali di gestione del dolore e dello stress ad esso associato, attraverso diversi approcci e tecniche tra cui ipnosi, strategie cognitivo-comportamentali, Mindfulness.

L’obiettivo ultimo è quello di far divenire il paziente protagonista del proprio percorso di cura, rendendolo autonomo e accompagnandolo nella scoperta e nello sviluppo delle proprie competenze e delle proprie capacità di gestione delle proprie sensazioni fisiche e psicologiche.

Ambiti di intervento

  • Psicologia nella cura del dolore cronico ed acuto
    Lo scopo dell’intervento psicologico nell’ambito della cura del dolore cronico e acuto è quello di aiutare la persona ad acquisire competenze e strumenti che le consentano di gestire il dolore, superandolo o minimizzandone gli effetti nella vita quotidiana.
    Le tecniche usate per il raggiungimento di tale obiettivo sono la mindfulness, l’ipnosi, il colloquio clinico, l’approccio strategico.
    L’intervento ha una durata media di 8-10 incontri.
  • Psicologia a supporto della chirurgia bariatrica
    Lo scopo dell’intervento psicologico a supporto della chirurgia bariatrica si suddivide in due fasi.
    Nella prima fase, che precede l’intervento chirurgico, si procede a un colloquio clinico che escluda controindicazioni all’operazione.
    Nella seconda fase si imposta con la persona operata un percorso di supporto e motivazionale che garantisca il consolidamento dei risultati ottenuti attraverso l’intervento ed eviti ricadute in comportamenti alimentari disfunzionali.
    Le tecniche usate per il raggiungimento di tale obiettivo sono la mindfulness, l’ipnosi, il colloquio clinico, l’approccio strategico.
    Per la prima fase sono necessari 1 / 2 incontri.
    La durata della seconda fase viene condivisa con la persona.
  • Psicologia per il superamento delle dipendenze e dei comportamenti disfunzionali
    Questo tipo di intervento è rivolto alle persone che sono intenzionate ad interrompere comportamenti nocivi o non più graditi, quali ad esempio il vizio del fumo.
    Le tecniche usate per il raggiungimento di tale obiettivo sono la mindfulness, l’ipnosi, il colloquio clinico, l’approccio strategico.
    Il percorso ha mediamente una durata di 3 incontri.
  • Psicologia per i disturbi del sonno
    Questo tipo di intervento è rivolto alle persone che soffrono di disturbi del sonno.
    Le tecniche usate per il raggiungimento di tale obiettivo sono la mindfulness, l’ipnosi, l’insegnament di tecniche di rilassamento, l’approccio strategico.
    L’intervento ha una durata media di 8-10 incontri.
  • Psicologia clinica
    Questo tipo di intervento è rivolto alle persone che stanno attraversando un momento delicato della propria vita e si trovano ad affrontare problematiche di carattere psicologico.
    Attraverso un colloquio conoscitivo si condivide l’eventuale percorso da intraprendere insieme, concordandone i contenuti da esplorare, l’approccio da utilizzare e la durata del percorso.
  • Conduzione Gruppi mindfulness
    In particolare propongo due tipi di gruppi:
    Gruppo per la gestione dell’ansia, dello stress e del dolore cronico
    Attraverso un percorso esperienziale di autoconsapevolezza le persone acquisiranno gli strumenti per mitigare gli effetti di ansia e stress nelle proprie vite. Impareranno inoltre a gestire il dolore cronico e superare il condizionamento che esso produce nelle loro giornate.
    Il percorso ha una durata di 8 incontri.
    Gruppo per l’acquisizione di corretti comportamenti in ambito alimentare
    Attraverso un percorso esperienziale di autoconsapevolezza le persone acquisiranno gli strumenti per relazionarsi in modo corretto con il cibo e l’alimentazione in generale.
    Il percorso ha una durata di 8 incontri.
Back to top of page